Design for peace Progetto di assegnazione di borse di studio per giovani profughi ucraini ospitati negli studi di architettura italiani.

Prende il via il progetto “Design for Peace”. Proposto e gestito dal CNAPPC e dall’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Roma prevede l’assegnazione di 10 borse di studio ad altrettanti giovani architetti ucraini under 35 che hanno trovato rifugio nel nostro Paese a seguito degli eventi bellici e l’ospitalità presso uno studio professionale italiano per lo svolgimento di un workshop per la ricostruzione di altrettante aree colpite dal conflitto.

Le 10 borse di studio del valore di 1.500,00 €/mese per la durata di 4 mesi sono finanziate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri italiana – Dipartimento Politiche Giovanili.

“Il Mali e Fabrizio Carola”, la proiezione del corto apre il RomaAfrica Film Festival 2022

Il 15 luglio, omaggio all’architetto pioniere dell’architettura della cooperazione

Sarà proiettato il 15 luglio, giorno di apertura dell’edizione 2022 del RomaAfrica Film Festival, (Casa del Cinema fino al 17 luglio) il documentario “il Mali e Fabrizio Carola” del regista Bruno Maurizi prodotto a cura del CNAPPC realizzato con Teche RAI.
È dedicato all’opera dell’architetto napoletano Fabrizio Carola, scomparso nel 2019, pioniere dell’architettura della cooperazione che ha dedicato la sua vita a sperimentare ed innovare nuovi metodi  di progettazione e di costruzione in Mali, nella Mauritania e nel Ghana, anticipando di decenni quell’attenzione alla sostenibilità ambiente che è oggi valore imprescindibile.
Il CNAPPC è da tempo impegnato con una serie di iniziative e di attività a valorizzare e promuovere l’esperienza degli Architetti PPC italiani nel campo della cooperazione e solidarietà in Italia ed all’estero
“Le nostre competenze – ha sottolineato Marcello Rossi, responsabile del Dipartimento Dipartimento Internazionalizzazione, cooperazione internazionale ed esportazione del Lavoro – sono strategiche nei progetti di cooperazione internazionale in quanto capaci di intercettare e di risolvere i bisogni fondamenti della qualità dell’abitare, delle infrastrutture – basti pensare a quelle legate all’istruzione e alla sanità – tenuto conto delle risorse disponibili.
“Se, da un lato, dare visibilità al ruolo sociale dell’architettura significa recuperare sempre di più il rapporto con la società civile, dall’altro, è indubbiamente fondamentale nella promozione del sistema paese e del made in Italy”.
RomaAfrica Film Festival 2022 si avvale, tra gli altri del patrocinio del CNAPPC.

www.romafricafilmfest.it

Cooperation Development Expo, l’intervista a #Marcello Rossi

Gli architetti italiani per Codeway Expo: l’intervista, andata in onda su #SupernovaTV durante la trasmissione #Extra, a #MarcelloRossi, Consigliere #CNAPPC e Responsabile Dipartimento Internazionalizzazione.

Durante l’evento internazionale dedicato a cooperazione, sviluppo e sostenibilità, il Consiglio Nazionale ha centrato la sua attenzione su “Il contributo degli architetti nelle aree di crisi” e ha presentato le “Linee Guida per l’accoglienza negli studi professionali di architetti e studenti ucraini”.

L’evento è stato l’occasione, inoltre, per promuovere una tappa della mostra itinerante “Lo Spazio morale”.

#CodeWay #CodeWayExpo #BusinessforCooperation

 

UNDICESIMA TAPPA “LO SPAZIO MORALE”

Il tema centrale della rassegna, organizzata e promossa dal CNAPPC e da diciotto organizzazioni no-profit, è la cooperazione degli architetti tra solidarietà e sostenibilità.
La mostra è ospitata dall’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Brindisi, all’interno del piano terra dell’ex Convento delle Scuole Pie.

La rassegna, articolata in 37 pannelli, illustra parte dell’impegno civile degli architetti italiani che operano in situazioni emergenziali e critiche, nell’ambito della cooperazione internazionale a favore di popolazioni svantaggiate e in pericolo, in territori colpiti da disastri e conflitti armati o interessati da povertà e marginalità urbane e sociali.

L’obiettivo degli architetti è portare il valore dell’architettura laddove c’è più bisogno per promuovere la cultura del diritto per tutti, in contesti quali l’accoglienza, la scuola e l’assistenza sanitaria.

La mostra intende sottolineare dunque l’importanza di un settore che impegna tanti architetti e il cui valore è riconosciuto dalla comunità internazionale. L’iniziativa vuole anche evidenziare come la progettualità giochi un ruolo determinante nel settore umanitario, dove il costruire rappresenta un atto di responsabilità sociale ed ambientale.
I 18 organismi che insieme al CNAPPC hanno organizzato la Mostra sono: AfricaBougou associazione onlus; Archintorno associazione di promozione sociale; Architetti di Strada; Architetti senza frontiere Italia; Architetti senza frontiere Sicilia e Calabria; Architetti senza frontiere Toscana; Architetti senza frontiere Veneto; AK0 Architettura a kilometro zero; Architettura senza frontiere onlus; Architettura senza frontiere Piemonte; Arcò-Architettura e Cooperazione; La Scuola di Arcò; Associazione Balouo Salo; Atout African Arch.it; Kallipolis; Liveinslums ong; Load; Verso.

La mostra sarà inaugurata giovedì 26 p.v. alle ore 17.30, alla presenza del Consigliere Nazionale Marcello Rossi.

La mostra rimarrà aperta sino al 11 giugno 2022, tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00, escluso la domenica. La mostra rimarrà aperta il sabato dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Rassegna stampa 17 Maggio

Ucraina: architetti, colleghi accolti in studi professionali
A Codeway, evento su cooperazione, presentazione di iniziative (ANSA) – ROMA, 17 MAG – La crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina al centro della partecipazione degli architetti a Codeway, evento internazionale dedicato a cooperazione e sviluppo, in programma alla Fiera di Roma da domani al 20 maggio. L’esposizione, recita una nota dei professionisti, sara’, infatti, l’occasione per lanciare “Le Linee guida per l’accoglienza di architetti e studenti ucraini profughi in Italia”, un insieme di indicazioni concrete, alla luce del quadro operativo vigente, che il Consiglio nazionale della categoria ha elaborato per supportare gli Ordini provinciali e la comunita’ degli iscritti nelle eventuali azioni di “accoglienza”, presso gli studi professionali, di architetti e studenti ucraini sfollati a seguito dell’invasione militare. A Codeway il Consiglio nazionale e l’Ordine degli architetti di Roma e provincia “intendono testimoniare l’impegno di quei professionisti che portano il valore dell’architettura laddove c’e’ piu’ bisogno per promuovere la cultura del diritto, per tutti, ad un ‘habitat’ decoroso”, attraverso a realizzazione di una tappa della mostra itinerante “Lo Spazio morale”, che illustra in 37 pannelli parte dell’impegno civile degli architetti italiani in situazioni emergenziali e critiche. (ANSA).  17-MAG-22 14:29 NNNN

Ucraina: Roma, da domani a “Codeway” il ruolo degli architetti =
Ucraina: Roma, da domani a “Codeway” il ruolo degli architetti = (AGI) – Roma, 17 mag. – La crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina al centro della partecipazione degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori a “Codeway”, evento internazionale dedicato a cooperazione e sviluppo, in programma alla Fiera di Roma da domani al 20 maggio. L’esposizione sara’ l’occasione per lanciare “Le Linee guida per l’accoglienza di architetti e studenti ucraini profughi in Italia”, un insieme di indicazioni concrete, alla luce del quadro operativo vigente, che il Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (Cnappc) ha elaborato per supportare gli Ordini provinciali e la comunita’ degli architetti nelle eventuali azioni di “accoglienza”, presso gli studi professionali, di architetti e studenti ucraini sfollati a seguito dell’invasione militare. “Oltre ad iniziative rivolte all’accoglienza e alla solidarieta’ – ha sottolineato Marcello Rossi, responsabile del Dipartimento Internazionalizzazione, cooperazione internazionale ed esportazione del lavoro del Cnappc – siamo disponibili e pronti come comunita’ a fornire la nostra collaborazione, nella fase della ricostruzione che ci auguriamo possa iniziare quanto prima, per il recupero di quel patrimonio artistico e culturale anch’esso vittima di ferite e distruzioni che e’ fondamentale per preservare la memoria e l’identita’ di persone, popoli e di luoghi”. (AGI))

Ucraina: Roma, da domani a “Codeway” il ruolo degli architetti (2)=
Ucraina: Roma, da domani a “Codeway” il ruolo degli architetti (2)= (AGI) – Roma, 17 mag. – “Durante la tre giorni – ha spiegato Paolo Anzuini, consigliere dell’Ordine degli architetti di Roma e provincia – sara’ possibile conoscere le invenzioni di architettura con il presidio dell’Ordine che sara’ costantemente presente. Confermata la collaborazione durante la manifestazione di una giovane architetta con studio ad Odessa e Kiev. Il video “Costruttori di futuro. Invenzioni di architettura nella cooperazione internazionale – immagini di invenzioni” in collaborazione con l’associazione ‘Il valore delle idee’ punta ad aumentare l’interesse sociale, formativo e culturale intorno all’architettura, offrire nuovi percorsi, anche lavorativi, non solo nell’ottica tradizionale della professione, creare un network di architetti del terzo millennio anche in un contesto di cooperazione”. La tavola rotonda “Il contributo degli architetti nelle aree di crisi e presentazione delle linee guida per l’accoglienza negli studi professionali di architetti e studenti ucraini” (19 maggio, 9,30 – 11,30) sara’ l’occasione per un approfondimento sul ruolo della progettualita’ nel settore umanitario – anche quale valore aggiunto di particolare rilievo nella promozione del sistema Paese e del made in Italy – e per un confronto sulla ricostruzione post bellica e sulla conservazione del patrimonio storico e infrastrutturale in Ucraina profondamente danneggiato dalle azioni militari. Ad animare la Tavola rotonda anche il video “Fabrizio Carola” a cura del Cnappc con Teche Rai, dedicato al pioniere dell’architettura della cooperazione. (AGI)

COOPERAZIONE: ARCHITETTI A CODEWAY, FOCUS SU CRISI UMANITARIA (1)
Roma, 17 mag – La crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina sarà al centro della partecipazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori a Codeway, evento internazionale dedicato a cooperazione e sviluppo, in programma alla Fiera di Roma dal 18 al 20 maggio. L’esposizione sarà, infatti, l’occasione per lanciare “Le Linee guida per l’accoglienza di architetti e studenti ucraini profughi in Italia”, un insieme di indicazioni concrete, alla luce del quadro operativo vigente, che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) ha elaborato per supportare gli Ordini provinciali e la comunità degli architetti nelle eventuali azioni di “accoglienza”, presso gli studi professionali, di architetti e studenti ucraini sfollati a seguito dell’invasione militare. “Oltre ad iniziative rivolte all’accoglienza e alla solidarietà, siamo disponibili e pronti come comunità a fornire la nostra collaborazione, nella fase della ricostruzione che ci auguriamo possa iniziare quanto prima, per il recupero di quel patrimonio artistico e culturale anch’esso vittima di ferite e distruzioni che è fondamentale per preservare la memoria e l’identità di persone, popoli e di luoghi”. Così Marcello Rossi, responsabile del Dipartimento Internazionalizzazione, Cooperazione internazionale ed Esportazione del lavoro del CNAPPC. Il ruolo sociale e la funzione civile dell’architettura rappresentano sempre di più temi centrali della professione: l’architettura umanitaria e dell’emergenza, in modo particolare negli scenari di calamità, conflitti e accoglienza, ne rappresenta un aspetto ineludibile del quali gli architetti si fanno carico. (BIG ITALY / SEGUE)

COOPERAZIONE: ARCHITETTI A CODEWAY, FOCUS SU CRISI UMANITARIA (2)
Roma, 17 mag – “Durante la tre giorni sarà possibile conoscere le invenzioni di architettura con il presidio dell’OAR che sarà costantemente presente. È anche confermata la partecipazione alla manifestazione di una giovane architetta con studio a Odessa e Kiev. Il video “Costruttori di futuro. Invenzioni di architettura nella cooperazione internazionale – Immagini di invenzioni”, in collaborazione con l’Associazione “Il valore delle idee”, punta ad aumentare l’interesse sociale, formativo e culturale intorno all’architettura, ad offrire nuovi percorsi, anche lavorativi, non solo nell’ottica tradizionale della professione, e a creare un network di architetti del terzo millennio anche in un contesto di cooperazione”. Ha dichiarato Paolo Anzuini, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia (OAR). A Codeway il CNAPPC e l’OAR intendono testimoniare l’impegno di quei professionisti che portano il valore dell’architettura laddove c’è più bisogno per promuovere la cultura del diritto, per tutti, ad un habitat decoroso. Lo faranno attraverso la realizzazione di una tappa della Mostra itinerante “Lo Spazio morale”, organizzata dal CNAPPC in collaborazione con AICS, che illustra in 37 pannelli parte dell’impegno civile degli architetti italiani in situazioni emergenziali e critiche; e attraverso la promozione della  piattaforma “architetti e cooperazione”, creata per mettere a disposizione delle comunità e degli stakeholders le migliori pratiche a sostegno dei territori deboli e per diffondere la conoscenza del vasto e multiforme scenario della assistenza umanitaria e della cooperazione allo sviluppo. La Tavola rotonda “Il contributo degli architetti nelle aree di crisi e presentazione delle linee guida per l’accoglienza negli studi professionali di architetti e studenti ucraini” (19 maggio, 9,30 – 11,30), infine, sarà l’occasione per un approfondimento sul ruolo della progettualità nel settore umanitario, e per un confronto sulla ricostruzione post-bellica e sulla conservazione del patrimonio storico e infrastrutturale in Ucraina, profondamente danneggiato dalle azioni militari. Ad animare la Tavola rotonda anche il video “Fabrizio Carola”, a cura del CNAPPC con Teche Rai, dedicato al pioniere dell’architettura della cooperazione. (BIG ITALY / stm)

FIERE: CODEWAY, CRISI UMANITARIA IN UCRAINA AL CENTRO PARTECIPAZIONE ARCHITETTI PPC =
ADN1282 7 ECO 0 ADN ECO NAZ FIERE: CODEWAY, CRISI UMANITARIA IN UCRAINA AL CENTRO PARTECIPAZIONE ARCHITETTI PPC = Roma, 17 mag. (Adnkronos/Labitalia) – La crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina al centro della partecipazione degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori a CODEWAY, evento internazionale dedicato a cooperazione e sviluppo, in programma alla Fiera di Roma da domani al 20 maggio. L’esposizione sarà, infatti, l’occasione per lanciare ‘Le Linee guida per l’accoglienza di architetti e studenti ucraini profughi in Italia’, un insieme di indicazioni concrete, alla luce del quadro operativo vigente, che il Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (Cnappc) ha elaborato per supportare gli Ordini provinciali e la comunità degli architetti nelle eventuali azioni di ”accoglienza”, presso gli studi professionali, di architetti e studenti ucraini sfollati a seguito dell’invasione militare. ”Oltre ad iniziative rivolte all’accoglienza e alla solidarietà -ha sottolineato Marcello Rossi, responsabile del dipartimento internazionalizzazione, cooperazione internazionale ed esportazione del lavoro del Cnappc- siamo disponibili e pronti come comunità a fornire la nostra collaborazione, nella fase della ricostruzione che ci auguriamo possa iniziare quanto prima, per il recupero di quel patrimonio artistico e culturale anch’esso vittima di ferite e distruzioni che è fondamentale per preservare la memoria e l’identità di persone, popoli e di luoghi”. (segue) (Pal/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 17-MAG-22 16:58 NNNN

FIERE: CODEWAY, CRISI UMANITARIA IN UCRAINA AL CENTRO PARTECIPAZIONE ARCHITETTI PPC (2) =
ADN1283 7 ECO 0 ADN ECO NAZ FIERE: CODEWAY, CRISI UMANITARIA IN UCRAINA AL CENTRO PARTECIPAZIONE ARCHITETTI PPC (2) = (Adnkronos/Labitalia) – Il ruolo sociale e la funzione civile dell’architettura rappresentano sempre di più temi centrali della professione: l’architettura umanitaria e dell’emergenza, in modo particolare negli scenari di calamità, conflitti e accoglienza, ne rappresenta un aspetto ineludibile del quali gli architetti si fanno carico. ”Durante la tre giorni -ha dichiarato Paolo Anzuini, consigliere dell’ordine degli architetti di Roma e Provincia (Oar) sarà possibile conoscere le invenzioni di architettura con il presidio dell’Oar che sarà costantemente presente. Confermata la collaborazione durante la manifestazione di una giovane architetta con studio ad Odessa e Kiev. Il video ‘Costruttori di futuro. invenzioni di architettura nella cooperazione internazionale – immagini di invenzioni’ in collaborazione con l’Associazione Il valore delle idee punta ad aumentare l’interesse sociale, formativo e culturale intorno all’architettura, offrire nuovi percorsi, anche lavorativi, non solo nell’ottica tradizionale della professione, creare un network di architetti del terzo millennio anche in un contesto di cooperazione”. A CODEWAY il Cnappc e l’Oar intendono testimoniare l’impegno di quei professionisti che portano il valore dell’architettura laddove c’è più bisogno per promuovere la cultura del diritto, per tutti, ad un habitat decoroso. (segue) (Pal/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 17-MAG-22 16:58 NNNN

FIERE: CODEWAY, CRISI UMANITARIA IN UCRAINA AL CENTRO PARTECIPAZIONE ARCHITETTI PPC (3) =
ADN1284 7 ECO 0 ADN ECO NAZ FIERE: CODEWAY, CRISI UMANITARIA IN UCRAINA AL CENTRO PARTECIPAZIONE ARCHITETTI PPC (3) = (Adnkronos/Labitalia) – Lo fanno attraverso la realizzazione di una tappa della Mostra itinerante ”Lo Spazio morale”, organizzata dal Cnappc in collaborazione con Aics che illustra in 37 pannelli parte dell’impegno civile degli architetti italiani in situazioni emergenziali e critiche; e attraverso la promozione della piattaforma ‘architetti e cooperazione’ per mettere a disposizione delle comunità e degli stakeholders le migliori pratiche a sostegno dei territori deboli e per diffondere la conoscenza del vasto e multiforme scenario della assistenza umanitaria e della cooperazione allo sviluppo. La Tavola rotonda ‘Il contributo degli architetti nelle aree di crisi e presentazione delle linee guida per l’accoglienza negli studi professionali di architetti e studenti ucraini’ (19 maggio, 9,30 – 11,30) sarà l’occasione per un approfondimento sul ruolo della progettualità nel settore umanitario – anche quale valore aggiunto di particolare rilievo nella promozione del sistema paese e del made in Italy – e per un confronto sulla ricostruzione post bellica e sulla conservazione del patrimonio storico e infrastrutturale in Ucraina profondamente danneggiato dalle azioni militari. Ad animare la Tavola rotonda anche il video ‘Fabrizio Carola’ a cura del Cnappc con Teche Rai, dedicato al pioniere dell’architettura della cooperazione. (Pal/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 17-MAG-22 16:58 NNNN

La cooperazione internazionale a Fiera Roma. Tutti gli appuntamenti del primo giorno di Codeway – Cooperation Development Expo

Inaugura domani la fiera che mette in connessione istituzioni, ong e aziende

Inizia domani Codeway- Cooperation Development Expo, la Fiera della Cooperazione allo Sviluppo Internazionale, finalmente in presenza dopo due anni di pandemia. Dal 18 al 20 maggio presso i padiglioni di Fiera Roma aziende, istituzioni, organizzazioni non governative si incontrano per creare un percorso virtuoso verso sostenibilità e crescita, tracciando la nuova roadmap per le imprese sostenibili nella cooperazione allo sviluppo.

Durante i tre giorni, che prevedono una parte espositiva, una dedicata al networking e una convegnistica, c’è un denso programma di conferenze e incontri.
L’ingresso a Codeway è gratuito previa registrazione (clicca qui per registrarti).
Qui il link al programma della tre giorni. Registrandosi e iscrivendosi sulla piattaforma ‘Business 4 Cooperation (B4C)’ anche i visitatori possono fissare incontri con aziende o delegazioni governative (B2B o B2G).

Questi gli appuntamenti del primo giorno di manifestazione, mercoledì 18 maggio:

Ore 10:30/CODEWAY PLENARY Padiglione 7

L’appuntamento inaugurale della manifestazione, organizzato in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con la Fondazione Prima, pone al centro del dibattito la sfida della sostenibilità e della sicurezza alimentare. Si guarda ai sistemi alimentari, essenziali per la salute di persone e ambiente, con un taglio propositivo e operativo: assieme alle imprese italiane si discute di possibili azioni concrete promosse dal Sistema Italia e dagli operatori privati, analizzando la situazione di alcuni Paesi del Sahel e dei possibili interventi che vi possono essere promossi grazie alle capacità del nostro settore privato della filiera agroalimentare. Intervengono, moderati da Massimo Zaurrini, Direttore Africa Affari.

Luca Voglino, Presidente Investimenti SpA; Monica Lucarelli, Assessora alle Attività Produttive e Pari Opportunità, Roma Capitale; Paolo Orneli, Assessore Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start – Up e Innovazione Regione Lazio; Marina Sereni, Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale; Angelo Riccaboni, Presidente Fondazione PRIMA, Barcellona, e Santa Chiara Lab, UniSi, Co-Chair UN SDSN Europe; Ivano Vacondio, Presidente Federalimentare; Cinzia Pagni, membro Comitato Esecutivo Cia e Presidente ASeS; Fabio Massimo Pallottini, Presidente Italmercati; Paolo Mascarino, Vicepresidente Affari Istituzionali Ferrero, Vicepresidente Federalimentare; Emanuela Del Re, Rappresentante Speciale dell’Unione Europea per il Sahel; Maurizio Martina, Vice Direttore Generale Aggiunto della FAO; Juan Lucas Restrepo Ibiza, Global Director for Partnerships & Advocacy, CGIAR, Director General, Alliance of Bioversity International and CIAT.

Ore 11:00/ STAND IILA – PADIGLIONE 8

IILA – Organizzazione internazionale italo-latina americana illustra la propria attività di esecutore di programmi di cooperazione italiana ed europea, presentando in particolare i progetti dedicati allo sviluppo agricolo sostenibile.
Ore 11:30/B4C ARENA – PADIGLIONE 8
Croce Rossa Italiana tiene il workshop “Supportare la resilienza delle comunità attraverso climate-smart disaster risk reduction: i casi di Honduras, Nicaragua e Caraibi”. Segue l’appuntamento “La risposta alle emergenze e le crisi complesse: dall’Ucraina all’Etiopia, l’esperienza di CRI e del movimento internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa”.

Ore 14:00/ SDGs ROOM – PADIGLIONE 8 Primo piano

Sempre a cura di Croce Rossa Italiana è l’incontro “Supporto alle persone vulnerabili lungo le rotte migratorie: l’esperienza dei ‘case for support’”.

Ore 14:00/INNOVATION ARENA – PADIGLIONE 8

“Clean water from the sun for a sustainable life in remote arid lands” è l’appuntamento di approfondimento a cura di Genius Watter, l’azienda italiana che ha sviluppato e brevettato un sistema di desalinizzazione alimentato ad energia solare, senza batterie, in grado di fornire acqua potabile in zone remote sprovviste della connessine alla rete, per i prossimi trent’anni.

Ore 14:15/B4C ARENA – PADIGLIONE 8

L’azienda Carbonsink, società di consulenza specializzata nello sviluppo di strategie di mitigazione e gestione dei rischi legati ai cambiamenti climatici si presenta con l’incontro “Valorizziamo progetti a impatto positivo per l’ambiente e le persone nei Paesi in via di sviluppo”.

Ore 14:30/CODEWAY PLENARY – PADIGLIONE 7

AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – presenta in anteprima i dati del 4° Rapporto Illuminare le Periferie – Osservatorio Esteri. Durante l’incontro, moderato da Anna Meli di COSPE, si illustrano i dati sulla copertura di Esteri da parte dei media italiani. Tra gli interventi Emilio Ciarlo, Responsabile Comunicazione AICS,
Giovanni Parapini, Direttore Rai per il Sociale, Daniele Macheda, Segretario Usigrai. A commentare i dati intervengono alcuni giornalisti di Esteri italiani tra cui Laura Silvia Battaglia, Radio3Mondo, Lucia Capuzzi, Avvenire, Veronica Fernandez, Rainews24 e Massimo Zaurrini, Africa e Affari. Beppe Giulietti, Presidente del sindacato dei giornalisti FNSI trae le conclusioni.

Ore 14:30/STAND CONFERENZE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME – PADIGLIONE 8

“Quale ruolo per le imprese nella cooperazione internazionale?” è il titolo dell’appuntamento a cura di Coordinamento Regione Marche, dedicato a trovare una chiave di lettura sul coinvolgimento delle imprese in attività di cooperazione internazionale e a riflettere sulle possibilità offerte dalla legge 125/2014.

Ore 15:00/SDGs ROOM – PADIGLIONE 8 Primo piano

Croce Rossa organizza il workshop “Diversità e inclusione: empowerment femminile in Albania e Kirghizistan e il progetto ‘Lisa’”.

Ore 15:00/STAND IILA – PADIGLIONE 8

IILA illustra i propri progetti relativi al patrimonio culturale e alla formazione per lo sviluppo sostenibile, mostrando l’ampia offerta di borse di studio, bandi e opportunità che mette a disposizione

Ore 15:00/STAND Collettiva ANCI – PADIGLIONE 8

“Il partenariato territoriale: nuovi rapporti tra comuni, territorio e organizzazioni della società civile nella cooperazione allo sviluppo”: questo il tema del convegno, a cura di ANCI.
Apre i lavori Enzo Bianco, Presidente del consiglio nazionale Anci e partecipano, tra gli altri, Riccardo Varone, Presidente di Anci Lazio, Massimo Seri, Sindaco di Fano, Nicoletta Paci, Assessore alla Cooperazione Internazionale, Comune di Parma, Rosa Maria Dragone, Referente per gli Enti Locali, AICS; Marco Ricci, Ministro Plenipotenziario, MAECI.

Ore 15:30/INNOVATION ARENA – PADIGLIONE 8

È a cura di VIDES, Agenzia educativa ed Organismo di cooperazione internazionale allo sviluppo, la conferenza dal titolo “Insicurezza alimentare in Africa e modelli di sviluppo integrale”.

Ore 15:30/B4C ARENA – PADIGLIONE 8SD

L’Istituto Zooprofilattico Abruzzo e Molise (IZSAM) organizza l’incontro “The Italian-African partnership for One-Health”. L’IZS di Teramo, attivo da oltre 30 in cooperazione veterinaria con il continente africano e dove si trova il segretariato della rete di ricerca veterinaria africana ERFAN, parla di One Health, ovvero le stretta interrelazione tra salute animale e umana, come il Covid ha ricordato, e di come in questo contesto la veterinaria possa giocare un ruolo nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibili delle Nazioni Unite.

Rassegna stampa

Le uscite di quotidiani e riviste on-line a seguito della Conferenza stampa di presentazione di CODEWAY EXPO presso il MAECI Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale del 6 maggio 2022.

Per leggere tutti gli articoli 

GLI ARCHITETTI ITALIANI A CODEWAY EXPO

19 maggio 2022 / TAVOLA ROTONDA

Il contributo degli architetti nelle aree di crisi e pre- sentazione delle Linee guida per l’accoglienza negli studi professionali di architetti e studenti ucraini

09.30
Saluti istituzionali e presentazione iniziativa
Marcello Rossi, consigliere e tesoriere CNAPPC, responsabile dipartimento Internazionalizzazione, cooperazione internazionale ed esportazione del lavoro
Silvia Pelonara, consigliere CNAPPC, responsabile dipartimento Protezione civile, cooperazione e solidarietà

09.45
Presentazione “Invenzioni di architettura nella cooperazione internazionale”
Paolo Anzuini, consigliere Ordine Architetti PPC di Roma e provincia

09:50
Presentazione mostra “Lo spazio morale”
Walter Baricchi, architetto

10:00
Riflessioni sull’architettura umanitaria: quando l’architettura va in trincea
Luca Bonifacio, architetto

10:15
Il contributo possibile degli architetti nelle aree di crisi
Juana Canet Rossello, vicepresidente UMAR

10:30
Le Linee guida: il quadro attuale e le problematiche dell’accoglienza dei professionisti ucraini
Marcello Rossi, CNAPPC Carlo Celani, avvocato Ivanna Gaidarzhy, architetto

10:45
Il processo di riconoscimento del titolo di architetto in Unione europea
Diego Zoppi, consigliere CAE e CNAPPC

11:00
Le attività di UIA in merito al conflitto in Ucraina
Lilia Cannarella, consigliere UIA Regione 1 e CNAPPC

11.15
Programmi di accoglienza del Politecnico di Milano
Camillo Magni, architetto

11:25
Conclusioni
Marcello Rossi, consigliere CNAPPC

Conferenza stampa di presentazione di Codeway – Cooperation Development Expo

La manifestazione organizzata da Fiera Roma con il supporto di Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma e Unioncamere Lazio, in programma dal 18 al 20 maggio.

L’evento sarà aperto dalla Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Marina Sereni, cui seguiranno gli interventi di Luca Maestripieri, Direttore Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Antonella Cavallari, Segretario Generale Organizzazione internazionale italo-latina americana e Wladimiro Boccali, Coordinatore di Codeway – Cooperation Development Expo.

Guarda la registrazione video del dibattito dal titolo “Conferenza stampa di presentazione di Codeway – Cooperation Development Expo”, registrato a Roma venerdì 6 maggio 2022 alle 11:00.

Fonte: radioradicale.it

Comunicato stampa

Ucraina: Codeway, la crisi umanitaria al centro della partecipazione degli Architetti PPC

Le iniziative del Consiglio Nazionale e dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia

Roma, 6 maggio 2022. La crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina al centro della partecipazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori a Codeway, evento internazionale dedicato a cooperazione e sviluppo, in programma alla Fiera di Roma dal 18 al 20 maggio.

L’esposizione sarà, infatti, l’occasione per lanciare “Le Linee guida per l’accoglienza di architetti e studenti ucraini profughi in Italia”, un insieme di indicazioni concrete, alla luce del quadro operativo vigente, che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) ha elaborato per supportare gli Ordini provinciali e la comunità degli architetti nelle eventuali azioni di “accoglienza”, presso gli studi professionali, di architetti e studenti ucraini sfollati a seguito dell’invasione militare.

“Oltre ad iniziative rivolte all’accoglienza e alla solidarietà – ha sottolineato Marcello Rossi, Responsabile del Dipartimento Internazionalizzazione, Cooperazione internazionale ed Esportazione del lavoro del CNAPPC – siamo disponibili e pronti come comunità a fornire la nostra collaborazione, nella fase della ricostruzione che ci auguriamo possa iniziare quanto prima, per il recupero di quel patrimonio artistico e culturale anch’esso vittima di ferite e distruzioni che è fondamentale per preservare la memoria e l’identità di persone, popoli e di luoghi”.

Il ruolo sociale e la funzione civile dell’architettura rappresentano sempre di più temi centrali della professione: l’architettura umanitaria e dell’emergenza, in modo particolare negli scenari di calamità, conflitti e accoglienza, ne rappresenta un aspetto ineludibile del quali gli architetti si fanno carico.

“Durante la tre giorni – ha dichiarato Paolo Anzuini, Consigliere dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia (OAR) sarà possibile conoscere le invenzioni di architettura con il presidio dell’OAR che sarà costantemente presente. Confermata la collaborazione durante la manifestazione di una giovane architetta con studio ad Odessa e Kiev. Il video “COSTRUTTORI DI FUTURO. INVENZIONI DI ARCHITETTURA NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE – IMMAGINI di INVENZIONI” in collaborazione con l’Associazione IL VALORE DELLE IDEE punta ad aumentare l’interesse sociale, formativo e culturale intorno all’architettura, offrire nuovi percorsi, anche lavorativi, non solo nell’ottica tradizionale della professione, creare un network di architetti del terzo millennio anche in un contesto di cooperazione”.

A Codeway il CNAPPC e l’OAR intendono testimoniare l’impegno di quei professionisti che portano il valore dell’architettura laddove c’è più bisogno per promuovere la cultura del diritto, per tutti, ad un habitat decoroso.

Lo fanno attraverso la realizzazione di una tappa della Mostra itinerante “Lo Spazio morale”, https://www.architettiecooperazione.org/mostra-itinerante/ organizzata dal CNAPPC in collaborazione con AICS che illustra in 37 pannelli parte dell’impegno civile degli architetti italiani in situazioni emergenziali e critiche; e attraverso la promozione della  piattaforma “architetti e cooperazione” (https://www.architettiecooperazione.org) per  mettere a disposizione delle comunità e degli stakeholders le migliori pratiche a sostegno dei territori deboli e per diffondere la conoscenza del vasto e multiforme scenario della assistenza umanitaria e della cooperazione allo sviluppo.

La Tavola rotonda “Il contributo degli architetti nelle aree di crisi e presentazione delle linee guida per l’accoglienza negli studi professionali di architetti e studenti ucraini” (19 maggio, 9,30 – 11,30) sarà l’occasione per un approfondimento sul ruolo della progettualità nel settore umanitario – anche quale valore aggiunto di particolare rilievo nella promozione del sistema paese e del made in Italy – e per un confronto sulla ricostruzione post bellica e sulla conservazione del patrimonio storico e infrastrutturale in Ucrainaprofondamente danneggiato dalle azioni militari.

Ad animare la Tavola rotonda anche il video “Fabrizio Carola” a cura del CNAPPC con Teche Rai, dedicato al pioniere dell’architettura della cooperazione.

Ufficio stampa CNAPPC, Silvia Renzi, tel. +39.3382366914
sirenzi@libero.it, press@cnappc.it

Ufficio stampa OAR, comunicazione@architettiroma.it