“Il Mali e Fabrizio Carola”, la proiezione del corto apre il RomaAfrica Film Festival 2022

Il 15 luglio, omaggio all’architetto pioniere dell’architettura della cooperazione

Sarà proiettato il 15 luglio, giorno di apertura dell’edizione 2022 del RomaAfrica Film Festival, (Casa del Cinema fino al 17 luglio) il documentario “il Mali e Fabrizio Carola” del regista Bruno Maurizi prodotto a cura del CNAPPC realizzato con Teche RAI.
È dedicato all’opera dell’architetto napoletano Fabrizio Carola, scomparso nel 2019, pioniere dell’architettura della cooperazione che ha dedicato la sua vita a sperimentare ed innovare nuovi metodi  di progettazione e di costruzione in Mali, nella Mauritania e nel Ghana, anticipando di decenni quell’attenzione alla sostenibilità ambiente che è oggi valore imprescindibile.
Il CNAPPC è da tempo impegnato con una serie di iniziative e di attività a valorizzare e promuovere l’esperienza degli Architetti PPC italiani nel campo della cooperazione e solidarietà in Italia ed all’estero
“Le nostre competenze – ha sottolineato Marcello Rossi, responsabile del Dipartimento Dipartimento Internazionalizzazione, cooperazione internazionale ed esportazione del Lavoro – sono strategiche nei progetti di cooperazione internazionale in quanto capaci di intercettare e di risolvere i bisogni fondamenti della qualità dell’abitare, delle infrastrutture – basti pensare a quelle legate all’istruzione e alla sanità – tenuto conto delle risorse disponibili.
“Se, da un lato, dare visibilità al ruolo sociale dell’architettura significa recuperare sempre di più il rapporto con la società civile, dall’altro, è indubbiamente fondamentale nella promozione del sistema paese e del made in Italy”.
RomaAfrica Film Festival 2022 si avvale, tra gli altri del patrocinio del CNAPPC.

www.romafricafilmfest.it